vedere " asti "

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Proposta di itinerario nel centro storico di Asti:

Asti, nota un tempo come la città dalle cento torri, si può a ragione considerare uno dei maggiori centri vitivinicoli della penisola.
Punto di partenza ideale per una visita ad Asti è sicuramente Piazza Alfieri, il fulcro della città, nelle cui vicinanze si trovano i portici Pogliani e il trafficato Corso Dante. Nel centro di Piazza Alfieri sorge il monumento a Vittorio Alfieri, nativo di Asti, che sembra dominare l'intera piazza. Qui, come del resto in Corso Dante e nelle strette vie del centro cittadino, è possibile passeggiare respirando un pò della storia di questa città per poi magari fermarsi ad uno dei numerosi Caffé onde approfittare di una sosta ristoratrice.
In giro per le vie del centro, dopo una breve pausa in un bar di piazza Alfieri, utile anche a schiarirci le idee sull'itinerario da seguire, si può raggiungere Piazza Medici per ammirare la celebre Torre Troiana detta anche "Torre dell'Orologio" in quanto fu sede dell'Orologio Civico. Rimarchevoli, a tal proposito, le bifore gotiche risalenti addirittura al XII-XIV secolo.
Lasciata alle spalle la Torre Troiana, si potrebbeproseguire sulla via principale in direzione Piazza Catena. Sul percorso ci siamo imbatte nella Chiesa della Consolata, fino a raggiungere Piazza Catena dove si  svolge il mercatino.  
Da Piazza Catena si imbocca Via Cattedrale. Da qui è già possibile intravedere il campanile romanico della Cattedrale di Santa Maria Assunta immersi in un dedalo di viuzze, in una sorta di simbolico viaggio nel tempo in epoche ormai lontanissime ma di certo non dimenticate. Finalmente, al fondo di Via Cattedrale, ci fermiamo un attimo di fronte al campanile che ci appare in tutta la sua imponenza. Non ci sono dubbi, siamo in Piazza Cattedrale. Lo spettacolo della Cattedrale intitolata a Santa Maria Assunta rende superfluo ogni commento ulteriore: ci troviamo di fronte ad una delle più importanti chiese gotiche piemontesi del Trecento, un capolavoro di architettura rimasto intatto attraverso i secoli.
Ritornati sui nostri passi, abbiamo ancora  il tempo per una breve passeggiata in Corso Alfieri, sede della storica Pasticceria Giordanino, prima di concederci un meritato "lunch break" in un elegante locale sotto i portici di piazza Alfieri, nel cuore pulsante di Asti.
Può essere un'esperienza dagli elevati contenuti ricreativo-culturali che  permette di immergerci tra le storiche vie di una città antichissima, nota nel mondo, oltrechè per il vino e per le specialità della cucina piemontese (citiamo gli agnolotti al sugo d'arrosto che vi invitiamo ad assaggiare!), anche per il rinomato Palio di Asti.

Per approfondimenti storici si consiglia il website:

http://www.astiantica.com/homepage.htm

s

Altre proposte di itinerari di Asti da vedere e da scoprire percorrendo le sue strade strette, che sfociano in piazze salotto, luoghi di incontro naturali per stare insieme, per parlare, per vedere teatro o ascoltare musica, per giocare nell'atmosfera della città un pò nostalgica e riservata, perfettamente interpretata dalle canzoni di Paolo Conte, sono visionabili sull sito ATLdi Asti sia in italiano che in inglese

      

notizie base

 

" Durante il secondo e il terzo fine settimana di settembre, si svolgono ad Asti due importantissime e seguitissime manifestazioni: rispettivamente Le Sagre e il Palio. "


Palio di Asti

Il Palio di Asti si disputa durante il terzo fine settimana di settembre.
Per la giornata di giovedì è in programma il palio degli sbandieratori, sabato quello degli scudieri, mentre domenica il cerimoniale d'apertura del Palio più antico d'Italia prevede la benedizione mattutina dei cavalli e dei fantini nelle parrocchie cittadine, e nel primo pomeriggio, un maestoso corteo storico di oltre 1000 figuranti in costume medievale sfila per le vie della città fino a raggiungere piazza Alfieri, dove si disputa la sfida fra i 14 rioni cittadini e 7 comuni limitrofi, naturalmente la monta è rigorosamente a pelo.

Festival delle sagre


Niente come il vino identifica nel mondo Asti e la sua provincia. Per rendere omaggio in patria a questo ambasciatore universale, da 36 anni si celebra ogni seconda domenica di settembre, sotto il segno della Douja d'Or, il Festival delle Sagre, una grande giornata di festa che è stata definita "la più vera rappresentazione di vita contadina".

Musei e Istituti culturali in città

Anche una visita ai musei cittadini vale la pena non dimenticare e a tal fine le informazioni del caso si ottengono al link musei di Asti