"settembre " da non perdere !!!

a

  • Festival delle sagre (2°domenica)
    Grandiosa rassegna della cucina contadina con la partecipazione di 40 Pro Loco dell’astigiano e distribuzione di piatti tipici locali Piazza Campo del Palio Domenica ore 10: sfilata in costume per le vie della città (partenza da Piazza Campo del Palio). http://www.festivaldellesagre.it/
  • Il Palio (3° domenica)
    corteo storico medioevale in costume con partenza da piazza Cattedrale e arrivo in piazza Alfieri dove si corre il Palio con cavalli montati a pelo.
    Info programma e biglietteria: www.palio.asti.it
  • Arti e Mercanti ( 4° domenica)
    Manifestazione dei mestieri medioevali e in costume dell'epoca.
  • Douja d’or (inizio mese)
    Salone Nazionale di Vini Selezionati con degustazioni, incontri gastronomici, convegni e mostre. www.doujador.it

      

notizie nel dettaglio

 

“Info per Sagre e Palio”

Festival delle sagre:
Niente come il vino identifica nel mondo Asti e la sua provincia e quindi sotto il segno della Douja d'Or, il Festival delle Sagre, da tutta la provincia di Asti, sono una quarantina i comuni o meglio le “pro loco” a prendere parte alla manifestazione. Ritrovando nel proprio passato abiti, attrezzi, usi, stili di vita e soprattutto ricette! Tutto portato alla ribalta per essere rivissuto con orgoglio! Ognuno  ha lavorato per portare nuovamente viva e attiva una parte di storia. Nelle settimane che precedono il fine settimana delle sagre, vengono preparati dei carri, ognuno dei quali ospiterà un mestiere o un momento particolare della vita sul territorio.
I temi del Corteo che sfilerà di domenica in  mattinata sono davvero molteplici, oltre che affascinanti:
I cicli dell'acqua… la vendemmia, il ciclo della canapa, la coltivazione e l'utilizzo dei fagioli, delle ciliegie, dal latte al formaggio, come venivano fatte le scope di saggina, il ciclo del granturco, coltivazione e vendita del cardo gobbo, e poi la castagna con la relativa raccolta, l'essiccatura e la battitura; la vinificazione in tutti i suoi passaggi; e ancora la raccolta e lavorazione della nocciola e tantissimo altro… tutto organizzato con vecchi trattori che trainavano carri con questi scorci di vita uscita dal passato, dove uno dei tratti più recenti era rappresentato dalla retata tedesca del '45. Nella sfilata erano anche rappresentante le forze dell'ordine, le confraternite, i riti ecclesiastici visti con gli occhi di un tempo: dal battesimo, il matrimonio, le processioni, e persino i flagellanti.
Le pro loco impegnate nella sfilata a Asti sono poi protagonisti nella piazza del Campo del Palio per due giorni. Ognuno di loro presenterà le ricette tipiche del comune di appartenenza, che verranno vendute a cena del sabato e alla domenica sia pranzo che cena sino ad esaurimento scorte.
Ognuno ha a disposizione un chiosco, munito di una piccola cucina in grado di preparare le pietanze. E' possibile gustare di tutto, in porzioni abbondanti e ad un prezzo modico: dagli antipasti ai primi, dai secondi al dolce. E inoltre bere senza limitazione,ma con moderazione,visto che ogni stand ha la degustazione del vino del posto.

Il Palio di Asti:

La prima notizia certa della corsa risale al 1275, si disputa durante il terzo fine settimana di settembre.
Per la giornata di giovedì è in programma il palio degli sbandieratori, sabato le prove genarali della corsa, mentre domenica il cerimoniale d'apertura del Palio più antico d'Italia prevede la benedizione mattutina dei cavalli e dei fantini nelle parrocchie cittadine, e nel primo pomeriggio, un maestoso corteo storico di oltre 1000 figuranti in costume medievale sfila per le vie della città fino a raggiungere piazza Alfieri dove si correrà il "Palio"..

Douja d'Or:

Una grande promozione del settore che ogni anno è accompagnata da degustazioni, incontri gastronomici, convegni, mostre e spettacoli musicali e che richiama ad Asti oltre 30.000 turisti e visitatori.
L’obiettivo principale della manifestazione è quello di diffondere la conoscenza e l’apprezzamento delle eccellenze enologiche, stimolando il miglioramento dei prodotti vitivinicoli e guidando i consumatori nella scelta – attenta e consapevole - dei vini. I vini premiati rappresentano una panoramica completa dell'offerta enologica nazionale di alto livello, rimanendo però in molti casi accessibile nei costi, con l'obiettivo di guidare i consumatori in una scelta attenta e consapevole e di far sì che le eccellenze enologiche si trasformino in opportunità di sviluppo.